Prime gelate, l'inverno è arrivato
Meteorologia

Quella dell'ultimo giorno di novembre è stata una mattinata molto fredda sulla nostra regione, con temperature che su gran parte del territorio sono scese di qualche grado al di sotto dello zero, anche e soprattutto in pianura.  Il fenomeno, complice le recenti precipitazioni e la presenza di parecchia umidità al suolo, ha favorito spettacolari formazioni di ghiaccio e brina che hanno regalato per qualche ora alla nostra regione un’atmosfera decisamente nordica.

Le temperature sono risultate particolarmente rigide non solo in alta montagna, ove comunque si sono raggiunte punte prossime a – 10 °C oltre i 1500 metri, ma anche su gran parte delle zone di pianura, ove le minime giornaliere risultano quasi ovunque comprese tra 0 e -5 gradi; gli unici valori infatti superiori allo zero questa mattina si sono registrati in arcipelago, sulle zone molto vicine al litorale e su alcune zone collinari tra 200 e 500 metri.

 

gelata 30 novembre

gelata 30 novembre dettaglio

Formazioni di ghiaccio e brina sulla vegetazione

Formazioni di ghiaccio e brina sulla vegetazione

 

Alta pressione, cielo sereno e assenza di vento: l’aria fredda che si deposita in pianura, è il fenomeno dell’inversione termica

Perché cosi freddo in pianura e più mite in collina? La risposta è semplice: la notte appena trascorsa è stata caratterizzata da condizioni di alta pressione, con cielo sgombro da nubi e senza ventilazione. In queste condizioni nel corso delle ore notturne l’atmosfera risulta particolarmente stabile e imperturbata, non ci sono venti dovuti a gradienti di pressione né fenomeni convettivi dovuti al sole che riscalda il suolo e quindi i bassi strati; non ci sono nemmeno nubi che si oppongono al naturale raffreddamento notturno per irraggiamento. In queste condizioni l’aria fredda in quota giunta sulla Toscana nel corso della perturbazione che ci ha interessato nei giorni scorsi, si è potuta letteralmente “depositare” sulle pianure e sulle vallate appenniniche, soprattutto sulle zone più riparate dai venti. Questo è il motivo per cui stamattina, per fare un esempio, a Tavarnelle Val di Pesa, a 374 metri sul livello del mare, il termometro questa mattina segnava 1.5 °C, mentre pochi chilometri più a nord ma 200 metri più in basso, a Montevarchi, la colonnina di mercurio segnava -4.7 °C. 

 

mappa temperature 30 novembre 2021

Temperature registrate questa mattina in Toscana. Dati Centro Funzionale Regionale cfr.toscana.it

Le gelate a novembre, sono così anomale? 

Le gelate a novembre sono fenomeni abbastanza ricorrenti e non così anomali, favorite spesso nella loro occorrenza dalla lunga durata della notte in questo periodo dell’anno; basti pensare che mediamente nel trentennio 1991-2020 si sono avuti alla stazione meteo Firenze Peretola mediamente quasi 2 giorni (1.9 giorni) con temperatura minime inferiore a zero (2.5 giorni invece se calcolati nel trentennio 1981-2010).

I valori registrati stamattina tuttavia non sono facili da raggiungere in questo periodo: prendiamo in considerazione sempre la stazione di Firenze Peretola, che questa mattina ha registrato un valore minimo pari a -3.6 °C. Se da un lato è vero che per trovare un valore più basso nel mese di novembre si deve tornare al 2005 (25 novembre, -3.9 °C), è anche vero che nel corso del novembre 2020 sono stati raggiunti comunque i -3.4 °C (23/11/2020). Nel recente passato, soprattutto negli anni ’80, si sono raggiunti valori ancora più rigidi: il record negativo per il mese di novembre rimane infatti i -6 gradi raggiunti sempre alla stazione di Peretola sia il 17/11/1981 che il 20/11/1983.

 

Nei prossimi giorni permane una massa d'aria tipicamente invernale 

Nelle prossime nottate non sono attese nuove ghiacciate; cambia di nuovo la circolazione, tornano le nubi e un po' di vento da ovest che nottetempo rimescolerà l'aria: le temperature sotto zero interesseranno solo le zone di alta montagna e alcune vallate del casentino dell'aretino e del senese più riparate dal vento. Rimane comunque sulla nostra regione per i prossimi 10 giorni una massa d'aria tipica "invernale" con valori termici attono a 1500 metri prossimi allo zero; nuove gelate in pianura saranno quindi nuovamente possibili appena torneranno condizioni di alta pressione, forse già il prossimo sabato. Seguite gli aggiornamenti.